Le emozioni passano, i sentimenti vanno coltivati.

Educare alle emozioni è uno dei compiti più importanti per un genitore, ma anche per un docente/educatore. I ragazzi oggi sono abituati a vivere connessioni, non relazioni, non veri e propri rapporti umani. Spesso si pena che amare un’altra persona significhi desiderarla, immaginando che ci si debba comBaumanportare come se si trattasse di un oggetto. Ed è proprio questo il compito più importante: insegnare a distinguere le persone dagli oggetti. Molti purtroppo, invece, ritengono che il loro agire sia predominante rispetto ai sentimenti delle altre persone, che vengono inevitabilmente considerate persone-oggetto, (da qui comprendi anche l’emergere abnorme di femminicidi e casi di stalking). La mia analisi deriva dallo studio di Zygmunt Bauman. Il sociologo afferma che nella nostra società, in cui la novità e la provvisorietà sembrano prevalere sulla durata delle relazioni, le emozioni non hanno modo di convertirsi in sentimenti: “L’uomo è combattuto tra la voglia di provare nuove emozioni e il bisogno di un sentimento (amore o amicizia) autentico, di un legame profondo che vada oltre l’entusiasmo iniziale”. Insomma, Società liquida=Amore liquido, ovvero, un amore diviso tra il desiderio di emozioni e la paura del legame. Continua a leggere

Annunci

L’intelligenza emotiva

Cos’è l’intelligenza emotiva? Secondo lo psicologo statunitense Daniel Goleman, che ne ha formulato il costrutto teorico, con l’intelligenza emotiva si identifica un particolare tipo di intelligenza legintelligenza_emotivaato all’uso corretto delle emozioni. Sviluppare questo tipo di intelligenza può costituire un fattore determinante nel raggiungimento dei propri successi personali e professionali. Le emozioni hanno una tale forza che può ostacolarci nel raggiungimento dei nostri obiettivi (pensiamo ad esempio alla paura), ma se adeguatamente gestite possono rappresentare un vantaggio competitivo in ogni ambito, aiutandoci a comunicare efficacemente, a saperci automotivare, a reagire meglio agli stimoli esterni. Non c’è dubbio che il classico Quoziente intellettivo (QI) sia importante per il nostro successo personale, accademico e professionale. Tuttavia l’intelligenza emotiva è altrettanto importante se non persino di più. Si potrebbe quasi dire che l’intelligenza emotiva sia un prerequisito per il corretto sviluppo e attuazione delle nostre capacità/abilità intellettuali. Continua a leggere