I “SINTOMI” della dislessia

Quali sono i sintomi della dislessia?” e “Si guarisce dalla dislessia?”. Queste sono le domande che più spesso miDSA e domande frequenti sono state rivolte da quando mi occupo di DSA. L’impatto con questa terminologia è sempre stato difficile per me, ma è necessario prendere atto della scarsa informazione che evidentemente ancora circola sull’argomento.  Parlare dei disturbi dell’apprendimento in questi termini significa considerare la dislessia e gli altri disturbi come delle vere e proprie malattie, e così non è! Innanzitutto, quindi, è utile fornire una corretta definizione: “Il termine Disturbi Specifici dell’Apprendimento si riferisce ad un gruppo eterogeneo di disturbi caratterizzati da significative difficoltà nell’acquisizione e nell’uso di abilità scolastiche, quali la capacità di lettura, di scrittura e di calcolo, non imputabili a fattori di disabilità grave e comunque definibili in base al mancato raggiungimento dei criteri attesi di apprendimento, rispetto alle potenzialità del soggetto”. Continua a leggere

Le difficoltà di comprensione- parte 2

Riprendiamo a parlare di difficoltà di comprensione. Nel precedente articolo abbiamo analizzato le prime delle quattro fasi suggerite: Anteprima, Scatto e blocco, Punti principali, ConclusionLe difficoltà di comprensionei. Come già detto, la comprensione è una delle abilità fondamentali, che interessa in modo trasversale tutte le discipline, pertanto è molto importante allenarla. Affrontate le prime due strategie, si passa alla fase dei punti principali, cioè si deve cogliere l’idea principale del testo o dei paragrafi, rielaborarla e sintetizzarla con parole proprie.

Continua a leggere

Le difficoltà di comprensione

Spesso notiamo che alcuni dei nostri ragazzi hanno difficoltà di comprensione, sembrano leggere senza capire. Ma Le difficoltà di comprensionecosa possiamo fare per aiutarli ad allenare questa abilità? Del resto, la comprensione è una delle abilità fondamentali, che interessa in modo trasversale tutte le discipline, è così che ciascuno di noi acquisisce informazioni e aumenta le proprie conoscenze. La comprensione è probabilmente la vera competenza della lettura, la capacità di interagire con testo. Troppe volte ci limitiamo a sollecitare una rilettura più attenta, chiaramente insufficiente. Possiamo, invece, stimolare i ragazzi a sviluppare strategie più appropriate. Ciò che vi propongo è frutto di alcune letture che ho avuto modo di mettere in pratica, nello specifico mi ha molto ispirata un articolo della prof.ssa Riccarda Viglino. Si tratta si un percorso che prevede quattro passaggi strategici: 1. Anteprima: scorrere il testo e fare previsioni; 2. Scatto e blocco: fare il monitoraggio della comprensione e della conoscenza del vocabolario; 3.    Punti principali: identificare l’idea principale; 4. Conclusioni: porsi domande e comprendere il brano. Continua a leggere

Le Prove Invalsi nella scuola dell’inclusione

Nella scorsa settimana, come ogni anno, i nostri studenti delle classi terze della seconda primaria, si soninvalsio cimentati nelle tanto temute quanto discusse Prove Invalsi. Mi sono sempre interrogata sulla loro utilità, certa di essere in buona compagnia. Provare per credere. Quanti di voi (e mi riferisco soprattutto ai non addetti ai lavori) hanno mai provato o anche solo visto questi test? E siamo sicuri di sapere esattamente cosa siano e a cosa servano? Innanzitutto, si tratta di test standardizzati nazionali per la rilevazione degli apprendimenti, che vengono somministrati nelle seconde e quinte elementari, terze medie e in tutte le seconde superiori. Continua a leggere