ADHD: Come riconoscerlo e come gestirlo a scuola.

L’ADHD (Sindrome da deficit di attenzione e iperattività) è un disturbo evolutivo dell’auto controllo di origine neurobiologica, è un disturbo pervasivo e pertanto incide su tutti i contesti e ambienti. Risulta più gestibile nel rapporto uno a uno, mentre presenta sempre difficoltà nella frequenza scolastica, nel giocare con i coetanei, nella convivenza serena con i gensindrome-da-deficit-di-attenzione-e-iperattivitaitori, nell’inserirsi normalmente all’interno della società. Quindi, possiamo dire che un bambino solo disattento o iperattivo solamente a scuola molto probabilmente non è un ADHD. Un ADHD manifesta un deficit di attenzione connesso a iperattività e impulsività, e in generale possiamo osservare: difficoltà a mantenere l’attenzione, facilità nel commettere errori di distrazione, mancata attenzione per l’interlocutore, difficoltà a seguire le istruzioni e a portare a termine i compiti scolastici, difficoltà organizzative, evitamento di compiti che richiedono uno sforzo continuativo, perdita di oggetti e strumenti, sbadataggine, irrequietezza, difficoltà a rimanere al proprio posto in classe, tendenza a parlare molto e ad interrompere gli altri. In base alla descrizione proposta, si possono osservare tre sottotipi: Continua a leggere

Annunci

Pronti per tornare a scuola? 5 Consigli per affrontare il rientro

L’anno scolastico sta per iniziare, il percorso sarà ancora una volta lungo e impegnativo ma certamente pieno di emozioBack to Schoolni. Ritornare alla quotidianità può essere causa di ansia e di stress, per adulti e ragazzi, e in particolare la scuola, che per molti anni rappresenta il fulcro nella vita dei bambini e delle loro famiglie, è un luogo in cui si riversano grandi aspettative ma anche ansie e timori, quindi, è importante saper gestire le emozioni specie a tutela dei più piccoli. Chiaramente bisogna saper valutare se le ansie dei nostri bambini sono legate a cause di malessere più generali (pensiamo al bullismo o alle difficoltà scolastiche), nel complesso possono bastare piccoli accorgimenti per rendere il rientro più sereno. Continua a leggere

Le disavventure scolastiche di Hank Zipzer, brillante bambino dislessico.

Henry Winkler è passato alla storia come Fonzie, il personaggio della fortunatissima serie TV Happy Days, da un po’ dopo aver appeso al chiodo il giubbotto di pelle, ha iniziato a scrivere libri per bambini. Hank Zipzer ha nove anni, una sorella con un’iguana come animale domestico ed Henry Winkler Dislessiaè dislessico. La scrittura è per lui una delle cose più difficili al mondo, esamina le parole, le tiene in mente, ma quando arriva il momento di utilizzarle, le dimentica. Hank è un nomignolo per Henry, perché sì, Henry Winkler è dislessico e la storia di Hank è anche un po’ la sua. Winkler ha scoperto di essere dislessico soltanto a 31 anni ed è per questo che racconta così bene la storia di Hank e di tutti i suoi sistemi per sfuggire alle consegne scolastiche. I libri sono stati scritti a quattro mani da Winkler e Liv Oliver, scrittrice e produttrice di serie televisive per bambini. Insieme scrivono in modo scorrevole, chiaro, adatto ai lettori più giovani. La storia di Hank ci consente di entrare  nella vita di un bambino dislessico,  Continua a leggere

Bambini al mare

Il mare e la sabbia sono uno stimolo naturale che aiuta a liberare la fantasia dei bambini favorendo il loro sviluppo motorio, manuale e creativo. I raggi solari aumentano la produzione di vitamina D (fondamentale per lo sviluppo del sistema scheletrico) stimolano il metabolismo acbambini al marecelerando l’attività cellulare, migliorano l’umore e, per finire, rafforzano il sistema immunitario. Come aiutarli a prendere confidenza con l’acqua? Ogni bambino ha i suoi tempi e dobbiamo rispettarli, senza trasmettergli le nostre paure. Resistiamo alla voglia di forzarli, i primi giorni può essere d’aiuto avvicinarsi al mare tenendolo vicino, fargli bagnare i piedi e giocare con le piccole onde sul bagnasciuga. Successivamente per l’immersione tenete conto che la posizione ideale per cominciare a spostarsi nell’acqua è quella obliqua, in cui l’equilibrio del bambino è più stabile e la testa può stare completamente fuori dall’acqua.

Continua a leggere

Imparare a leggere … giocando!

Come insegnare a leggere ai bambini? Nell’era della tecnologia è naturale che i nativi digitali imparinImparare a leggere ... giocando!o anche attraverso strumenti informatici cui noi non eravamo (o non siamo, in alcuni casi) abituati. Tablet, smartphone e computer hanno invaso la nostra quotidianità riuscendo a fornirci valide soluzioni, rapide e a portata di mano, per gestire una immensa quantità di situazioni. Così anche le modalità di apprendimento sono cambiate. Sono state sviluppate moltissime applicazioni educative che ci offrono la possibilità di accompagnare i bambini all’uso della tecnologia, senza che questa diventi una baby sitter! In questo articolo vi propongo le prime 3 applicazioni gratuite utili ad avvicinare i bambini alla lettura. Continua a leggere

GIOCHI PER L’ESTATE

giochiLe attività estive per i bambini in età scolare sono in genere condizionate dalle richieste della scuola. Gli alunni della primaria ricevono spesso indicazioni dalle insegnanti per proseguire il percorso didattico allenandosi con i tanto discussi “libri per le vacanze”! Non tutti, infatti, sono d’accordo nel sottoporre i bambini ad ulteriore lavoro scolastico durante le vacanze, del resto anche loro hanno bisogno di riposare. In molti casi, i nostri ragazzi passano l’inverno trasportati da una “scatola” all’altra: la scuola, l’auto, il doposcuola, l’auto, la palestra, l’auto, la casa … dove poi spesso restano immobili difronte ad altre “scatole” come la TV o il PC. Tutto ciò premesso, in questo articolo, ho deciso di proporvi delle attività da svolgere esclusivamente all’aperto, raccolte qua e là nel web. Continua a leggere

ATTIVITÀ ESTIVE PER I BAMBINI

Oggi vi propongo qualche idea per trascorrere la prossima estate insieme ai bambini coinvolgendolinsieme in vacamzai in attività divertenti e (perché no?) educative. Il gioco è il lavoro dei più piccoli, ed è giusto utilizzarlo per stimolare la loro creatività e la loro attenzione, approfittandone, anche, per trascorre insieme del tempo di qualità.

Ho pensato di suddividere le proposte per fascia d’età, così potrete valutare e scegliere più efficacemente. Continua a leggere