Steve Jobs e la dislessia

La rivoluzione digitale degli ultimi anni ha cambiato le nostre abitudini di vita, computer e smartphone sono diventati i nostri migliori amici e se c’è qualcuno che ha contribuito più di altri a rendere la tecnologia davvero a portata di mano certamente è stato Steve Jobsteve jobs e la dislessias. Steven Paul Jobs nasce il 24 febbraio 1955 a San Francisco (California) da Joanne Carole Schieble e Abdulfattah “John” Jandali, uno studente siriano, che sarebbe diventato in seguito un professore di scienze politiche. La madre biologica, anche lei studentessa universitaria, temendo di non potergli garantire un futuro dignitoso, lo diede in adozione. Quindi, Steve viene adottato da Paul e Clara Jobs, della Santa Clara Valley, sempre in California. Egli stesso racconta di essere stato era una vera peste da piccolo e di portare serpenti e mini-bombe in classe durante l’orario di scuola. Si diploma a 17 anni alla Homestead High School di Cupertino, paese che diventerà il terreno dei quartieri generali della sua creatura futura: la Apple. Nello stesso anno Steve Jobs si iscrive al Reed College di Portland, soprattutto per rivolgere l’attenzione alla sua principale passione, l’informatica, ma dopo un semestre abbandona l’università ed inizia a lavorare in Atari come programmatore di videogames, perlomeno fino a quando raggiunge il quantitativo di denaro necessario per poter partire per un viaggio verso l’India. Intuizione e  curiosità sono state le sue compagne di vita.

Continua a leggere

Annunci

Le disavventure scolastiche di Hank Zipzer, brillante bambino dislessico.

Henry Winkler è passato alla storia come Fonzie, il personaggio della fortunatissima serie TV Happy Days, da un po’ dopo aver appeso al chiodo il giubbotto di pelle, ha iniziato a scrivere libri per bambini. Hank Zipzer ha nove anni, una sorella con un’iguana come animale domestico ed Henry Winkler Dislessiaè dislessico. La scrittura è per lui una delle cose più difficili al mondo, esamina le parole, le tiene in mente, ma quando arriva il momento di utilizzarle, le dimentica. Hank è un nomignolo per Henry, perché sì, Henry Winkler è dislessico e la storia di Hank è anche un po’ la sua. Winkler ha scoperto di essere dislessico soltanto a 31 anni ed è per questo che racconta così bene la storia di Hank e di tutti i suoi sistemi per sfuggire alle consegne scolastiche. I libri sono stati scritti a quattro mani da Winkler e Liv Oliver, scrittrice e produttrice di serie televisive per bambini. Insieme scrivono in modo scorrevole, chiaro, adatto ai lettori più giovani. La storia di Hank ci consente di entrare  nella vita di un bambino dislessico,  Continua a leggere

Tutta un’altra scuola! Quella di oggi ha i giorni contati

Gli insegnanti, nonostante quanto sostenuto dai più, lavorano anche in vacanza: progetti, idee e programmi impegnano i pensieri dei docenti anche sotto l’ombrellone, ed è per questo che ho pensato di proporvi una lettura che può rivelarsi decisamente stimolante. In tanti fra voi cScuolaonoscono Giacomo Stella, docente ordinario di Psicologia clinica presso l’Università di Modena e Reggio Emilia e direttore di molti corsi di perfezionamento in materia di apprendimento, nonché fondatore dell’Associazione Italiana Dislessia. Molti di noi hanno avuto modo di incontrarlo durante attività formative, workshop e incontri sui temi della didattica e dei disturbi di apprendimento e ne conosciamo e apprezziamo la chiarezza espositiva e la lucida analisi dell’universo scolastico. Il suo ultimo libro “Tutta un’altra scuola” edito da Giunti (e disponibile in e-book) non tradisce il suo spirito di acuto osservatore che analizza, valuta e propone, anche con ironia, soluzioni a vantaggio dell’intera comunità scolastica.

“A scuola non stanno male solo gli scolari o gli studenti. Ci sono anche molti insegnanti che stanno male, hanno gli stessi sintomi dei loro studenti: vanno a scuola malvolentieri, restano spesso a casa, sono frustrati e a volte si sentono un po’ perseguitati dal dirigente o dalle famiglie”. Continua a leggere

Liebster Award: discover new blogs!

liebsterOggi mi sono lasciata coinvolgere dalla simpaticissima MissPurpurea che ha pensato di regalarmi una nomination per il Liebster Award 2016. La ringrazio moltissimo e partecipo volentieri, e proprio perché i nostri blog trattano tematiche diverse, apprezzo ancora di più che mi abbia coinvolta, credo questa sarà una splendida occasione per conoscere altri blogger e scambiarsi qualche informazioni più personale.

Ma cos’è il Liebster Award? È un riconoscimento che i blogger conferiscono ad altri blogger con un numero di followers inferiore ai 200. In buona sostanza è un modo per farsi conoscere tramite il passaparola. Ho cercato qualche informazione sulle sue origini, ma a riguardo è tutto poco chiaro. Pare abbia avuto origine in Germania nel 2011, da cui il nome e inizialmente prevedeva regole leggermente diverse, oggi seguirò le seguenti indicazioni: Continua a leggere